Catturali tutti… i libri!

Pokemon Go è stato di sicuro una rivoluzione, che piaccia o meno. Mentre alcuni ci hanno visto un’invasione della realtà aumentata sulla realtà fisica, altri ne riconoscono le caratteristiche aggregative e culturali.

Culturali? Già. Bisogna sapere che per giocare è indispensabile ritrovarsi in alcuni punti della città che sono nella maggioranza dei casi dei monumenti storici o di interesse culturale. Ovvero, come unire l’utile al dilettevole.

Ma cosa succede quando una direttrice di scuola si ispira al nuovo fenomeno di moda per risvegliare nei suoi piccoli alunni la voglia di leggere?

person-857021_640

Aveline Grégoire, direttrice della scuola di Farciennes, una piccola città francofona  del Belgio ha lanciato l’iniziativa della caccia ai libri (chiaro riferimento al “Catch ‘em all” del celebre gioco) con la pagina (e poi gruppo) su Facebook: chasseurs de livres (cacciatori di libri in francese). Si tratta di un’ evoluzione del bookcrossing (fenomeno dalle origine incerte ma che conta milioni di partecipanti nel mondo). Il gruppo di chasseurs de livres che ad oggi raggiunge quasi 70.000 membri si espande di giorno in giorno e solletica le frontiere.

Quali sono le regole? Liberare un libro in natura, abban-donarlo con un piccolo biglietto. Leggerlo e liberarlo di nuovo. Un modo giocoso ed utile di fare circolare la cultura e di incentivare la lettura di piccoli e grandi. Si usa proteggere il libro dalla pioggia con un sacchettino di plastica per evitare che si rovini ed esca ferito (o peggio) dalla caccia al tesoro. Ogni libro ha molto da regalare…

libri
Sono un libro abban-donato! Adottami il tempo di leggermi e poi rilasciami in natura. Ma sopratutto, raggiungici sul gruppo Facebook “Cacciatori di libri”.

Alcuni siti danno la possibilità di tracciare i libri, dopo averlo registrato grazie ad un codice, per vederne gli spostamenti. Altri invece, come nel gruppo “chasseurs de livres” permettono alle persone di postare le foto del libro abban-donato nel luogo del “delitto” o di lasciare alcuni indizi, così da rendere la caccia ancora più stimolante!

In Italia le percentuali di lettori sono  assai basse ( il 9,1% delle famiglie non ha alcun libro in casa, il 64,4% ne ha al massimo 100. La popolazione femminile ha maggiore confidenza con i libri: il 48,6% delle donne sono lettrici, contro il 35% dei maschidati Istat ) e si riscontra un alta percentuale di analfabetismo funzionale. Il problema della mancanza di cultura in generale, e della lettura in particolare, è quindi molto sentito.

Rimedio? Leggere di più. Ovunque.

livres4
Libro abban-donato su una panchina
livres5
Libro abban-donato in un chiosco
livres7
Una caccia al libro prima di andare a dormire?

La caccia ai libri è totalmente gratuita e serve a far circolare la cultura e ad incentivare la lettura. 

Ogni volta che si legge un buon libro, in qualche parte del mondo, una porta si apre per lasciare entrare più luce.
-Vera Nazarian

Per essere dei veri cacciatori di libri, bisogna essere un poco pirata nell’anima e  avere il gusto per l’avventura quindi che ne dici di cominciare a cacciare nella tua città? Una pagina di “Cacciatori di libri”  è già a disposizione di tutti i cacciatori e librovori della penisola.

-Le foto sono di proprietà esclusiva di Alice Bakolas (@lilibako su Instagram), cacciatrice di libri, che ringraziamo per avere dato a Mitosofia il permesso di usare le sue fotografie.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...